Archivi categoria: Lisbeth Pfaff

1000 GRAMMI

Mille grammi. Un chilo. La bilancia si è mossa di tanto. E io mi chiedo dove ho sbagliato. Avevo seguito tutte le istruzioni che mi erano state impartite: rinunciare ai dolci, praticare più sport. Ho vinto la pigrizia e rinunciato … Continua a leggere

Pubblicato in Lisbeth Pfaff, Natale, Scrittori in Corso | Lascia un commento

MILLE TENEBRE

Ne ho contate mille. Mille tacche sul muro. Prima che le unghie si spezzassero e fossi costretta a fermarmi. Sono più di tre anni. Dopo le mille tenebre ho perso il conto. Per me i giorni sono identici. E anche … Continua a leggere

Pubblicato in Lisbeth Pfaff, Natale, Scrittori in Corso | 1 commento

La sostanza delle cose

Non ero solo nella stanza. Riuscivo a sentire i suoi occhi. Erano dietro di me, alle mie spalle. Mi stava guardando. Mi stava guardando senza vedermi. Il suo sguardo mi colpiva e mi oltrepassava. Come se non esistessi. Agata non … Continua a leggere

Pubblicato in Incipit, Lisbeth Pfaff | Contrassegnato | Lascia un commento

La cosa

Che cos’è la paura? Una porta che non si apre a volte può bastare, come in questo caso. Mentre scrivo queste parole i secondi diventano giornate. Ha colpito ha colpito il cofano ed è rotolata sotto le ruote della mia … Continua a leggere

Pubblicato in Incipit, Lisbeth Pfaff, Scrittori in Corso | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Fortunata

La notte in cui la nonna morì c’era un forte temporale. Ero rimasta sola con lei. I grandi erano tutti nell’altra stanza a parlare con il medico. Dicevano che non c’era più niente da fare. Li avevo sentiti. Li aveva … Continua a leggere

Pubblicato in Lisbeth Pfaff, Punti di vista, Scrittori in Corso | Contrassegnato , , , , , | 1 commento

Omicidina

In questo letto sconosciuto, dal materasso troppo duro per la mia schiena, il tuo respiro regolare mi fa sentire a casa. Tu hai la capacità di rasserenarmi. Peccato che appena chiuda gli occhi, mi salga l’ansia. Ci siamo incontrati al … Continua a leggere

Pubblicato in Incipit, Lisbeth Pfaff, Scrittori in Corso | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Bara di vetro

Vorrei stendere le braccia, trasformarle in ali, alzarmi in volo.   Questo muro trasparente blocca le mie mani, ferisce i miei sogni.   E vorrei proprio correre tra le nuvole bianche di questo cielo senza colpe che mi sovrasta e … Continua a leggere

Pubblicato in Lisbeth Pfaff, Poesia, Scrittori in Corso, Settimana della poesia | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento