Archivi categoria: Aniello Di Maio

Racconti d’estate – Nozze d’inferno

Caldo, sudore, vestiti incollati addosso. Non capisco la felicità dei presenti. Eppure, tra uomini, ci guardiamo negli occhi e ci comprendiamo in pieno. I bambini che corrono, giocano, non consci della situazione, e quello lì pacioccone che ti calpesta le … Continua a leggere

Pubblicato in Aniello Di Maio, Estate, Scrittori in Corso | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Crescere

Chiudo la porta di casa con un calcio. Butto a terra tutto quello che ho in mano e mi avvio veloce verso il bagno togliendomi di dosso i vestiti ad ogni passo. Mi infilo nella doccia e cerco di lavare … Continua a leggere

Pubblicato in Aniello Di Maio, Incipit, Scrittori in Corso | Contrassegnato , , , , , | 2 commenti

L’inventario mentale

Nella vita ci sono tante cose importanti, ma solo una è fondamentale; l’avevi imparato fin troppo presto. Non ti fidare di nessuno, neanche di tuo padre. Te l’aveva insegnato lui. Quanto avevi? Ma sì, quattro o cinque anni. Ed ora, … Continua a leggere

Pubblicato in Aniello Di Maio, Incipit, Scrittori in Corso | Contrassegnato , , , | 1 commento

Buon Natale

– Ragazzi, basta dare fastidio al nonno, fatelo riposare un po’! Il nonno era una persona silenziosa, con lo sguardo triste e lontano, come se i suoi pensieri fossero proiettati su uno schermo abbastanza piccolo posizionato a quindici metri di … Continua a leggere

Pubblicato in 100 Parole, Aniello Di Maio, Natale, Scrittori in Corso | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Giù in taverna

Le feste di Natale, esclusi i giorni comandati, le abbiamo sempre passate da Simone. Quattro amici di sempre, davanti al fuoco del camino, tra salsicce e castagne, con tanto vino di quello che regalano ai genitori annualmente. Serate intere a … Continua a leggere

Pubblicato in 100 Parole, Aniello Di Maio, Scrittori in Corso | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Il lasciapassare A38

Quattro file, quattro sportelli e un’unica destinazione. – Che tu sia ricco o povero ciò non ha più importanza, ora sei uno dei tanti numeri su quella lista di cui nessuno vorrebbe farne parte. Sei stato richiamato e ancora una … Continua a leggere

Pubblicato in Aniello Di Maio, Incipit | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Ivan Ivanovic Njuchin

Un’ultima sigaretta e vado. Mi raccomando, però, non fatene parola con mia moglie. L’avida cattiva, cattiva perfida, sarebbe capace di farmi mangiare i topi che mi fa cacciare nella nostra, pardon, sua scuola di musica. O pensionato, scegliete voi. Dovrò … Continua a leggere

Pubblicato in 100 Parole, Aniello Di Maio, Personaggi | Contrassegnato , , , | Lascia un commento