Recensione – L’Ira di Venere

9788868721275

DONNE. Sono il pilastro, la chiave di volta di questa nuova raccolta di racconti dell’autore, noto per la saga dell’Ispettore Biagio Mazzeo.
Donne colpevoli o innocenti, vittime o carnefici, comparse o protagoniste, caritatevoli o malvagie, dalla parte della legge o bandite. Ognuna a suo modo è avvelenata dall’ira del titolo. Salvo rarissimi casi sono tutte donne arrabbiate.
RABBIA. La rabbia è femmina. E nera, nerissima.
Con la formula del racconto Pulixi ci mostra un album con venti oscure fotografie, istantanee dei malaffari che avvelenano la nostra società.
Raccontare una storia per dire ciò che non va e che sembra così difficile cambiare, come nella migliore tradizione del noir italiano. Ce n’è per tutti, nessuno escluso.
Si va dalle ndrine alle violenze domestiche, dalla sicurezza sul lavoro allo stalking.
Nella maggior parte dei casi la rabbia è sinonimo di vendetta, di rivalsa. Ma può trasformarsi anche in una preziosa fonte di energia semplicemente per tirare avanti, per nascondere le proprie debolezze e farsi forza. È il caso di Carla Rame, disilluso commissario della polizia di stato, il personaggio più ricorrente nei racconti. È ricca di sfaccettature, umana, fallibile. Ad ogni intervento, emerge in lei più implacabile l’eterna lotta tra la Legge e il giusto. Spesso a discapito di quest’ultimo. Nell’universo narrativo di Pulixi, Carla Rame rappresenta lo Yang all’ Yin di Biagio Mazzeo, devoto a una sola legge: la sua.
RACCONTI. La lettura scorre via fluida, le pagine scivolano via senza rendersene conto. Ma ad ogni fine, il respiro diventerà incerto. Dopo averci danzato intorno come il miglior Mohammed Alì, Pulixi ci piazza il suo cazzotto narrativo, dritto e veloce, quando meno ce lo aspettiamo, mettendoci al tappeto.
Non sottovalutate quest’opera del noirista sardo. C’è tanto, tantissimo della sua scrittura: la sua terra, la denuncia, l’azione e l’amore. Amore arrabbiato s’intende, per questo ancor più vero.

Andrea Moretti

Annunci

Informazioni su Scrittori in Corso

Collettivo di scrittura e laboratorio di stile di scrittura creativa. Dal Marzo 2015 si promuove come ritrovo per autori emergenti e non, con lo scopo di migliorare la fruibilità delle produzioni letterarie contemporanee in un contesto di social media. Non costituisce una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 7-3-2001.
Questa voce è stata pubblicata in recensioni. Contrassegna il permalink.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...