Miss Havisham

Lasciatemi spiegare un concetto: le nozze sono la festa della sposa, non degli sposi. È ora di finirla con quelle fandonie sull’amore eterno e il coronamento dei sogni e bla bla bla!
Quell’ingrato mi ha abbandonato prima delle nozze. Poco male, mi son detta. Potrò vestire in eterno questo abito di fronzoli e organza! E che dire del banchetto?! E dei regali? Ogni giorno sarà per me attesa della festa. Sono fortunata: in tanti vorrebbero essere come me!
Non c’è amore più grande che per se stessi. Io, a dirla tutta, mi amo. Terribilmente.
Perdutamente.
Confetti, balli, tulle, bouquet.
Vermi.

Lisbeth Pfaff

Annunci

Informazioni su Scrittori in Corso

Collettivo di scrittura e laboratorio di stile di scrittura creativa. Dal Marzo 2015 si promuove come ritrovo per autori emergenti e non, con lo scopo di migliorare la fruibilità delle produzioni letterarie contemporanee in un contesto di social media. Non costituisce una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 7-3-2001.
Questa voce è stata pubblicata in 100 Parole, Lisbeth Pfaff, Personaggi e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...