Eleanor Rigby

Ho calpestato un tappeto di lacrime e di riso. Petali di rose e coriandoli immacolati sono volati al passaggio della sposa. A me non è rimasto che spazzare via lo sporco e tenere nel petto il dolore di un sogno infranto.
Ho ancora tempo, mi dico, prima che la morte arrivi; non sarò più la signorina Eleanor, ma la signora Rigby in qualchecognomealtisonante.
Inganno l’attesa osservando la gioia degli altri, pregando che diventi anche la mia. Ci si sente soli, quando si è tristi, mentre tutto intorno è festa.
Ci si sente soli, quando si vive.
Anche quando si muore.

Lisbeth Pfaff

Annunci

Informazioni su Scrittori in Corso

Collettivo di scrittura e laboratorio di stile di scrittura creativa. Dal Marzo 2015 si promuove come ritrovo per autori emergenti e non, con lo scopo di migliorare la fruibilità delle produzioni letterarie contemporanee in un contesto di social media. Non costituisce una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 7-3-2001.
Questa voce è stata pubblicata in 100 Parole, Lisbeth Pfaff, Personaggi e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...