Del sole

Il sole estivo e vacanziero è altezzoso, indisponente, ma soprattutto cattivo.
Ti prende con tutta la sua veemenza, tracotanza.
Che tu sia bianco neve, al sole, non può fregare nulla.
Questo interessa sempre meno, da quando non c’è più l’antica distinzione tra i contadini, abbronzati o meglio cotti, e riconoscibili come plebe, e il pallore delle élite.
I pallidi, anzi, vanno cercando questo colorito in modi sempre più accaniti.
Il sole non è più un simbolo di speranza, ma l’affermazione dello status symbol di bello.
Ah, chissà quando si riscoprirà la bellezza del timido sole che scalda dopo la pioggia.

Aniello di Maio

Annunci

Informazioni su Scrittori in Corso

Collettivo di scrittura e laboratorio di stile di scrittura creativa. Dal Marzo 2015 si promuove come ritrovo per autori emergenti e non, con lo scopo di migliorare la fruibilità delle produzioni letterarie contemporanee in un contesto di social media. Non costituisce una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 7-3-2001.
Questa voce è stata pubblicata in 100 Parole, Aniello Di Maio e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...